Scenario

 

La capacità di perseguire una politica del territorio affidabile richiede una conoscenza completa dello stesso, aggiornata ma soprattutto aggiornabile anche nelle proprie dinamiche, cosa certamente non facile da ottenere data la complessità e simultaneità delle modificazione a cui il territorio stesso è soggetto.

La creazione di una banca dati per la gestione dei processi connessi alle trasformazione del territorio (oltre a soddisfare il raggiungimento degli obiettivi di efficacia, efficienza e customer satisfation attraverso l’attivazione di portali web per la pubblicazione di atti amministrativi), si inquadra nella politica di informatizzazione dei dati a livello territoriale e quindi nella politica più ampia di informatizzazione della P.A. Le politiche di E-Government, definite nelle “Linee Guida del Governo per lo sviluppo della società dell’informazione” sono finalizzate anche al «coinvolgimento e partecipazione dei cittadini ai processi decisionali» e riconoscono strategico per i Comuni il «miglioramento dei rapporti diretti con i cittadini e le imprese» da realizzarsi attraverso «sportelli di front-office» che impiegano «canali innovativi», tra cui, ovviamente, Internet.

Attraverso il presente progetto le PA avranno la possibilità di distribuire le informazioni relative alla gestione del territorio con estrema facilità e puntualità, in aderenza ai criteri di pubblicità e trasparenza sanciti dalla L. 241/90 (modificata dalla legge 15/2005) e dal Codice dell’Amministrazione Digitale (D.Lgs. 7 marzo 2005, n. 82 e s.m.i.). La Regione Siciliana ha adottato i provvedimenti normativi per favorire l’innovazione amministrativa, ponendosi in prima fila tra le amministrazioni regionali nel recepire e dare attuazione al:

  • D.Lgs. n. 150/2009 in materia di ottimizzazione della produttività del lavoro pubblico e di efficienza e trasparenza delle PA;
  • D.Lgs. n. 235/2010 (Codice dell’amministrazione digitale – CAD).

In particolare la Regione:

  • ha approvato la legge Regionale 5 aprile 2011, n. 5 su trasparenza, semplificazione, efficienza, informatizzazione della P.A e contrasto alla corruzione e alla criminalità organizzata distampo mafioso. Con tale norma la Regione pone le tecnologie ICT al centro della propria strategia di azione;
  • ha predisposto il Piano di Innovazione Tecnologica Regionale (PITRE), previsto dall’art. 3 della Legge regionale n. 5/2001;
  • ha accelerato l’attuazione di progetti a sostegno della digitalizzazione e della semplificazione dei rapporti con cittadini e imprese.

Partendo da queste premesse e nell’ottica di una gestione del territorio attenta al presente e alle possibili evoluzioni future, un SIT assolve alla funzione di sistema per la conoscenza in tutte le sue forme permettendo nel contempo di costituire un patrimonio informativo di comune uso e gestione, finalizzato alla creazione di uno strumento unificante di tutte le successive azioni di pianificazione, tutela e governo del territorio.

Soluzione progettuale proposta

 

Obiettivi

L’utilizzo del Sistema Informativo Territoriale Comunale come supporto all’intero processo di pianificazione territoriale si propone di garantire una maggiore velocità nello sviluppo dei processi decisionali offrendo la possibilità di esaminare in maniera più agevole una moltitudine di aspetti con rilevanza territoriale. L’integrazione delle cartografie catastali e delle aerofotogrammetrie con le basi informative prescrizionali (zonizzazioni, vincolistica, etc.) potrà fornire, infatti, una immediata e interattiva disponibilità delle informazioni per una efficace pianificazione strategica e gestione del territorio, ormai divenuta di fondamentale importanza nell’accezione di governo del territorio inteso non più come semplici aree ma come insieme di processi interdipendenti. Il SIT permette di collegare tra loro informazioni provenienti da fonti diverse quali la cartografia, le anagrafi comunali, il catasto, la viabilità, i vincoli ambientali etc., che diversamente non sarebbero in grado di comunicare fra loro e permette di acquisire, aggiornare, elaborare, rappresentare e diffondere dati e informazioni spazialmente riferiti al territorio.

La soluzione progettuale prevede la realizzazione della Banca Dati Territoriale Comunale contenente tutti gli elementi utili ad una pubblicazione in modalità WebGis delle progettualità e dei documenti relativi all’attività amministrativa urbanistica del comune. In particolar modo sono previsti:

  • La costituzione di una banca dati territoriale basata su tutti gli elementi cartografici oggi disponibili presso gli uffici della Amministrazione Comunale appaltante, integrati a quelli già disponibili presso l’Amministrazione regionale;
  • L’editing del PRG vigente metricamente corretto rispetto agli aggiornamenti cartografici disponibili;
  • La sua pubblicazione in modalità WebGis che preveda, oltre all’interrogazione di ogni singola area di zonizzazione e vincolistica, l’accesso ai documenti tecnici quali la Relazione generale, il regolamento edilizio, le norme tecniche di attuazione.

Il presente progetto intende quindi classificare, nel rispetto degli standard europei e nazionali, tutte le informazioni ricavabili dal PRG, non trascurando gli standard di rappresentazione di viabilità, edificato e reticolo idrografico. Tale attività verrà condotta nel rispetto di quanto sinora sviluppato sia a livello regionale che nazionale, proprio per favorire l’evoluzione del sistema informativo territoriale comunale in maniera conforme e sinergica a quanto previsto dalle leggi e direttive vigenti. E’ opportuno sottolineare, inoltre, come una gestione degli strumenti urbanistici comunali attraverso una tale impostazione permetterà di estendere le possibilità di utilizzo future anche nel campo del controllo del territorio e dell’edilizia.

Metodologia

Al fine di raggiungere gli obiettivi esposti al punto precedente, si prevede di articolare la presente proposta progettuale nelle seguenti attività e sotto-attività che definiscono il percorso metodologico che si intende adottare:

Reperimento documenti di pianificazione e basi cartografiche:

  • elaborati cartacei degli strumenti urbanistici generali vigenti nel Comune, comprensivi delle Relazioni generali illustrative, dei Regolamenti edilizi e delle Norme tecniche di attuazione;
  • elaborati cartacei delle varianti degli strumenti urbanistici generali vigenti nel Comune;
  • Decreti di approvazione degli strumenti urbanistici e delle varianti;
  • base cartografica in scala 1.10.000 proveniente dalla CTR (carta tecnica regionale, ultima edizione) e in scala 1:2.000.

Realizzazione e Popolamento Banca Dati Territoriale comunale:

  • Strutturazione della banca dati nel rispetto degli standard relativi a: Edificato; Viabilità; Idrografia; Altimetria.
  • Popolamento della banca dati in riferimento agli elementi territoriali su citati.

Realizzazione e Popolamento strati informativi PRG:

  •  Strutturazione della banca dati nel rispetto degli standard relativi a: Zoning PRG; Vincolistica; Servizi; Documentazione tecnica (Relazione, Norme tecniche, Regolamento).
  • Popolamento della banca dati in riferimento agli elementi urbanistici su citati.

Realizzazione Portale WebGis per la pubblicazione del PRG:

    • Realizzazione del portale WebGis;
    • Realizzazione dei contenuti e delle modalità di interrogazione di: Zoning prg; Vincolistica; Servizi; Documentazione tecnica; Viabilità; Idrografia.

Approfondendo in particolare la descrizione delle funzionalità di gestione e consultazione del PRG, che saranno rese disponibili sul Portale WebGIS del Comune, si propone a seguire un elenco descrittivo, e non del tutto esaustivo, delle potenzialità offerte dallo strumento in questione:

  • Visualizzazione dello Strumento Urbanistico Comunale, editato  secondo standard regionali;
  • Visualizzazione, alle diverse scale di realizzazione, delle tavole di zonizzazione originali  georeferenziate (geotiff);
  • Integrazione e sovrapposizione delle aree tematiche dello strumento urbanistico con cartografie varie vettoriali e/o raster quali aerofotogrammetria, catastale, C.T.R., etc.;
  • Gestione dei dati alfanumerici relativi alle zonizzazioni dello strumento urbanistico e alla cartografia catastale;
  • Collegamento di documentazione ipertestuale agli elementi dello strumento urbanistico, accessibile tramite semplici click del mouse. Ad esempio le norme tecniche di attuazione, il regolamento edilizio, la documentazione fotografica e qualsiasi altro dato esteso;
  • Rappresentazione grafica di insiemi di oggetti, selezionati con opportune ricerche nel data base alfanumerico, al fine di ottenere rappresentazioni tematiche, indispensabili per la pianificazione urbanistica;
  • Interrogazione estesa di qualsiasi tipo di oggetto;
  • Vestizione e svestizione di tutti gli oggetti;
  • Impostazione automatica di tutte le tavole grafiche ufficiali, alle varie scale, facenti parte dello strumento urbanistico;
  • Attivazione e disattivazione sulla mappa di qualsiasi tipo di vincolo urbanistico;
  • Riproduzione a video ed in cartaceo, in varie scale, di tematismi predefiniti o impostati dall’utente quali estratto di P.R.G., estratto catastale, carta dei vincoli;
  • Consultazione di tutte le informazioni relative alla realtà edificatoria esistente (sia su base di cartografia tecnica che catastale).

Vantaggi

In conclusione, il Sistema Informativo Territoriale Comunale permetterà di monitorare l’evoluzione della pianificazione territoriale e delle trasformazioni territoriali, economiche e sociali, coerentemente con i principi dell’urbanistica come governo del territorio. L’interoperabilità dei dati territoriali implementata consentirà di accedere in modo coordinato a tutte le informazioni presenti nelle differenti basi dati, generando statistiche, trend o semplici dati derivati a valore aggiunto. Tra i molteplici benefici, in termini sia organizzativi sia economici, che l’utilizzo corretto del SIT  potrà portare agli Enti Locali, basta citare:

  • Possibilità di controllo del territorio ovvero possibilità di effettuare analisi estensive sul territorio comunale orientate alla corretta pianificazione e gestione dello stesso, potendo disporre di una cartografia di piano aggiornata ed aggiornabile (in sostituzione dei tradizionali supporti cartografici deperibili);
  • Pianificazione urbanistica su base certa, garantita dalla conoscenza del reale stato dei luoghi e della normativa vigente e dalla possibilità di produrre in modo celere le varianti di piano, avendo sempre un quadro certo ed aggiornato. Un tale strumento consente una corretta ed efficace pianificazione urbanistica e infrastrutturale, per la gestione di insediamenti commerciali  e produttivi, per il censimento di beni ambientali e culturali presenti sul territorio comunale, per una migliore gestione dei servizi ai cittadini;
  • Gestione del territorio tramite un’unica banca dati, standardizzata e soggetta a continuo  aggiornamento, con la possibilità di gestire la toponomastica ed i numeri civici, la viabilità sovracomunale e lo stradario, le fognature e tutto ciò che esiste nel sottosuolo, etc. Il tutto con la garanzia dell’interoperabilità dei dati territoriali in essa consolidati;
  • Possibilità di sovrapporre  le informazioni territoriali, garantendo l’integrazione con altre pianificazioni specialistiche e di settore;
  • Possibilità di attivare servizi online (ad esempio,  possibilità di ottenere il certificato di destinazione urbanistica direttamente da Internet senza doversi recare presso l’Ufficio tecnico comunale, etc.);
  • snellimento delle procedure di lavoro e possibilità di diffondere ai professionisti, ai tecnici esterni ed ai cittadini, in maniera comprensibile anche ai non addetti ai lavori, le informazioni territoriali legate alla pianificazione urbanistica comunale e sovracomunale;
  • A questo si aggiunge il vantaggio di creare una base conoscitiva sulla quale avviare, con iniziative successive al presente progetto, attività di controllo e monitoraggio del territorio comunale favorendo le attività di recupero fiscale, pianificazione urbanistica, protezione civile, preservazione e tutela del patrimonio ambientale e naturalistico. In particolar modo il progetto pone le basi per una successiva attività di censimento del Patrimonio Immobiliare comunale e di Anagrafe Immobiliare estesa all’intero territorio comunale.

Il Sistema Informatico

Il sistema Informatico che si offre a corredo può essere configurato in due diverse modalità:

Presso la PA: in questo caso tutte le banche dati, i software di gestione e di fruizione del dato (sia in modalità client che in modalità Web e WebGis) dovranno essere acquistati e licenziati nel rispetto delle normative vigenti. Il sistema informativo può essere personalizzato su piattaforme GIS proprietarie (quali Intergraph, Esri, Autodesk) o Open Source (quali Qgis, Mapserver) e la banca dati può essere installata su DBMS proprietari (Oracle, Microsoft SQL Server) o Open Source (Postgis);

In remoto: in questo caso tutte le funzionalità saranno garantite attraverso le funzionalità Web e Web Gis utilizzabili direttamente da ogni ufficio tecnico attraverso un comune browser internet (Microsoft explorer, Chrome; Firefox; etc). I Database, i software di gestione, le interfacce Web e WebGis saranno offerte come un servizio esterno che includerà la manutenzione e l’aggiornamento dell’intero sistema.

Requisiti Economici

Il costo dell’intero progetto potrà essere determinato solo dopo una attenta analisi:

  • del numero di edifici da censire;
  • delle dimensioni e dello stato delle banche dati disponibili;
  • del livello di dettaglio che si intende raggiungere;
  • delle modalità di attivazione e fruizione del sistema informatico a supporto.

Il Sistema GIS

 

Il “Sistema WebGIS” rappresenta la nostra soluzione tecnologica finalizzata al raggiungimento degli obiettivi richiesti per il potenziamento dei servizi di gestione del territorio comunale e delle procedure di recupero crediti attraverso l’utilizzo di strumenti di supporto alle decisioni (DSS) nelle modalità “Classic Web” e “Web GIS”. Gli strumenti offerti possono garantire all’Ente una capacità di organizzazione completa attinente a tutte le informazioni di natura territoriale/urbanistica/tributaria il cui fine precipuo sarà il soddisfacimento del bisogno pubblico ottenuto da una più efficiente  gestione dell’Ente stesso. Considerato che l’attività di gestione dei dati territoriale e tributaria è vincolata alle leggi italiane ed alle delibere comunali, il sistema è predisposto in maniera tale da permettere un veloce upgrade nei casi in cui sorga la necessità di revisionare le procedure esistenti mantenendo cosi il contatto con le normative vigenti.

La soluzione proposta è estremamente innovativa e modulare; è composta da vari moduli software, tutti logicamente interconnessi tra di essi, che coprono tutte le necessità di informatizzazione degli Uffici Comunali. La piattaforma è in linea con le ultime tecnologie basate su internet è fornisce tutti i servizi innovativi di e-government per l’ente pubblico ed i cittadini, ai quali potrà essere concessa la possibilità di visualizzare ed esaminare la propria posizione personale/contributiva nei confronti del comune.

È sottointeso che tutti i moduli realizzati, anche nella modalità web classica, sono integrati con il Sistema Informativo Territoriale Comunale (SITC) che collega i dati alfanumerici alle entità territoriali associate e di interesse; tutto ciò consente di gestire le informazioni in modalità digitale spaziale. Di seguito i macro moduli presenti:

  • Sistema informativo Territoriale;
  • Modulo di cooperazione applicativa con i servizi di e-gov;
  • Gestita della banca dati centralizzata ed univoca;
  • Modulo di gestione tributi;
  • Modulo di Business Intelligence.

Tecnologia

Il nostro sistema “WebGIS” si basa su un’architettura di tipo web che consente la pubblicazione in intranet/internet dei dati geografici presenti nella banca dati territoriale del comune. La fruizione dei servizi sarà possibile mediante navigazione di mappe specifiche e ricerche analitiche applicate alla base dati alfanumerica. Non sarà richiesta la presenza e l’installazione di software client proprietari specifici poiché l’utilizzo dei servizi è garantito dalla presenza di un qualsiasi browser web di ultima generazione, generalmente presente sulle postazioni di lavoro. Il SITC consente di avere, in aggiunta alla gestione alfanumerica dei dati, una modalità di navigazione di tipo grafica; tutto ciò permette all’operatore la localizzazione e la visualizzazione grafica delle informazioni di natura territoriale.

Le mappe territoriale, navigabili dagli utenti, saranno erogate da un’application server che possiede la componente spaziale avente lo scopo di “reindirizzare” il dato geografico proveniente anche da fonti dati eterogenee; per quanto concerne le informazioni comunali queste saranno mantenute e gestite nel database spaziale centralizzato progettato e costruito secondo gli standard Nazionali (DIgitPA ex CNIPA, IntesaGIS) ed Europei (INSPIRE). In aggiunta ai servizi di navigazione base è altresì resa disponibile la funzionalità di sovrapposizione di mappe provenienti da fonti dati diverse, tra cui: Servizi WMS; Servizi WFS; Servizi WCS; Database SQL Server 2008 (componente spaziale); Oracle Database (con opzione Spatial/Locator); PostGree/PostGIS; ESRI ArcGIS Server; Shape file; File flat; Altre basi dati compatibili con gli standard OGC.

Il sistema Web GIS di base sarà corredato dei seguenti tool di navigazione, identificazione e ricerca delle informazioni: Zoom avanti; Zoom indietro; Zoom finestra; Sposta (pan); Calcolo distanza; Calcolo area; Identifica geometria; Ricerca alfanumerica su tutte le entità previste con attributi associati; Stampa della mappa corrente; Visualizzazione legenda; Pannelli stile pop-up che mostrato i risultati delle interrogazioni.

Al fine di garantire la sicurezza e la privacy del flusso di informazioni derivanti dalle singole transazioni, trattandosi di dati sensibili e di carattere riservato, il Sistema Informatico è dotato di un sistema di autenticazione e profilatura degli accessi e di amministrazione delle componenti di sicurezza del sistema. Il sistema di sicurezza è composto da due moduli principali: il sistema di autenticazione, che riconosce l’utente e ne consente l’accesso al sistema, ed il meccanismo di autorizzazione che ne determina le capability per i servizi esistenti.

Quanto fin’ora descritto rappresenta lo scenario evoluto degli ultimi anni, ma non evidenzia la domanda che i classici sistemi GIS generano, “Come posso fornire uno strumento semplice di business guidato per soggetti non esperti di GIS con costi di gestione ragionevoli?”. I tradizionali software desktop GIS sono equipaggiati con strumenti geospaziali flessibili e potenti, ma la loro complessità di utilizzo e costo (in termini ci licenza, supporto, apprendimento, ecc.) li rende di fatto inadatti per un uso su larga scala. Le soluzioni di “Web Mapping” classiche rispondono a questa prima difficoltà fornendo una soluzione più veloce ed intuitiva per un uso “leggero” e semplice del sistema, ma questi sistemi di contro non sono in grado di fornire funzionalità di supporto a problematiche di tipo business avanzato, come ad esempio: gestione del workflow; inserimento e  modifica con precisione elevata dei dati vettoriali. Tutto ciò lascia insoddisfatto un bacino latente di utenti che non è pienamente appagato dalle soluzioni di mapping di tipo desktop e web.

L’avere negli anni identificato queste limitazioni ha permesso alla nostra soluzione di indirizzare gli utenti verso una nuova organizzazione in grado di fondere le caratteristiche più vantaggiose delle due modalità classiche su esposte. In breve la nuova metodologia possiede le seguenti caratteristiche chiave:

  • Distribuzione delle applicazioni mediante una connessione web http;
  • Aspetto e grafica simile a quello classico degli applicativi desktop;
  • Strumenti di cattura dati e di editing evoluti comprensivi di: funzionalità di snap (punto finale, punto intermedio, intersezione, perpendicolare, ecc.);
  • Supporto dell’editing topologico, all’etichettatura avanzata dei testi,  della stampa e del plotting;
  • Utilizzo di strumenti di configurazione di workflow e delle regole utili ad implementare procedure efficienti senza la necessità di sviluppo di software ad-hoc in maniera massiva ed onerosa economicamente per il cliente;
  • Possibilità di costruzione di query ad-hoc mediante il wizard fornito o scelta di una query da una lista predefinita. È possibile inoltre l’applicazione di criteri di filtro alfanumerici, spaziali e di segmentazione;
  • Minori costi di formazione e maggiore produttività e qualità mediante l’ausilio di interfacce utente guidate;
  • Maggiore cooperazione e riuso delle informazioni in maniera coordinata e controllata mediante modelli di flussi precostruiti;
  • Rimozione di fatto dei costi di installazione ed amministrazione dei client desktop (poiché la soluzione è comunque basata su browser) poiché sono offerte impianti web auto configuranti distribuiti nelle modalità SaaS (Software as a Service) e Cloud.